Profugo confessa: “Il mangiare qui ci fa schifo, mangiamo 2/3 cucchiai e poi lo buttiamo!”

Condivisione sui social networks
loading…


“Il mangiare che ci date ci fa schifo, mangiamo 2/3 cucchiai poi lo buttiamo nella spazzatura…”

Riproponiamo un video a dir poco vergognoso risalente allo scorso anno, quando alcune decine di sedicenti profughi, partiti da diversi centri di Genova, da Coronata, da San Francesco Da Paola, da via del Campo e da Struppa, marciarono in corteo fino alla Prefettura di Genova per dare vita a un presidio. Organizzati, come truppe.

VERIFICA LA NOTIZIA

Una protesta per dire basta a un trattamento che ritenevano completamente inadeguato al loro status di vips dell’accoglienza. Il problema principale a loro dire era la lontananza della mensa: “Non possiamo riposarci, dobbiamo stare in mezzo alla strada per ore e per mangiare dobbiamo raggiungere l’unica mensa, che si trova a Caricamento”. Un dramma, assegnategli subito il servizio catering!

loading…


L’altro problema derivava dalla scarsa qualità del cibo e dall’impossibilità di bere acqua in bottiglia: “Dobbiamo prendere l’acqua da bere dai lavandini in cui ci laviamo, il cibo è immangiabile e non abbiamo acqua calda”.  Se fossero veri profughi di guerra, ringrazierebbero di ogni cosa, invece inscenano proteste senza senso con cadenza quotidiana.

“In queste ultime ore il quartiere di Coronata è stato ostaggio di una rivolta di circa 60 immigrati ospiti di una struttura della zona, che hanno organizzato una manifestazione non autorizzata, in strada. I cittadini della zona, che ci hanno segnalato l’accaduto, sono fortemente preoccupati. Una situazione assurda e vergognosa: non è accettabile che i cittadini onesti debbano subire le conseguenze dell’accoglienza diffusa, che mina la sicurezza dei nostri quartieri e che non soddisfa neppure gli ‘ospiti’, evidentemente, visto che sono spinti fin sotto la Prefettura a protestare. Se siamo arrivati a questi punti, bisogna ringraziare la giunta Crivello-Doria che in questi anni ha incentivato e favorito questo sistema, un business per pochi che lucra su disperati, importa nuovi poveri: altro che integrazione”.

Lo dichiarava Edoardo Rixi, segretario regionale della Lega Liguria, in merito alla manifestazione di protesta di un gruppo di fancazzisti ospiti a Coronata per le strade del quartiere genovese e sotto la prefettura di Genova.

“La vera integrazione passa dal lavoro e non dal bivacco e dall’accattonaggio per le nostre strade. È ora di finirla: Genova non ha bisogno del business delle coop della finta accoglienza, ma vuole lavoro e sviluppo per i nostri giovani e non solo. La Lega al governo della città rivedrà a fondo l’attuale sistema dell’accoglienza che non può continuare a essere subita dai genovesi, per colpa di un governo incapace nel regolare l’immigrazione nel Paese e con un Comune finora complice delle insensate politiche nazionali”, terminava Rixi.

loading…



 

Navigando sul sito TG Quotidiano acconsenti all'utilizzo dei cookie Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

loading...