Massacra controllori, ma viene assolto perché credeva di essere in Libia

Condivisione sui social networks
loading…


Massacra controllori, ma viene assolto perché credeva di essere in Libia

Immaginiamo per un istante di credere alla sentenza, e che quindi questo personaggio scambi normali agenti per miliziani e diventi così incapace di intendere: bene, significa che è u pericolo pubblico.

loading…



Se non va in galera, allora, deve essere espulso.

loading…


Navigando sul sito TG Quotidiano acconsenti all'utilizzo dei cookie Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

loading...